Spedizione 24/48 ore - gratuita a partire da € 99,00 – Reso disponibile entro 365 giorni

  • -5%

WILIER 0 SLR ADMIRAL BLUE

8.550,00 € 9.000,00 € Salva 5%
remove
add

WILIER 0 SLR

8.550,00 € 9.000,00 € Salva 5%
remove
add
Dimensione :
Colore telaio :
Gruppo :
Ruote :
Quantità:
Taglie
Spedizione

Non disponibile

SPECIFICHE TECNICHE
TELAIO Wilier 0 SLR
FRENI Shimano Ultegra
GRUPPO Shimano Ultegra Di2
MANUBRIO INTEGRATO Zero BAR
RUOTE Wilier SLR 38KC
COPERTONI Vittoria Rubino


La storia

Wilier Triestina nasce nel 1906 con il nome di Wilier grazie all'idea di un commerciante bassanese, Pietro Dal Molin, di costruire in proprio biciclette. La sua fucina di "cavalli d'acciaio" sorge come un piccolo laboratorio sulle rive del Brenta, a Bassano del Grappa, e il suo successo aumenta di pari passo alla sempre maggior richiesta di biciclette. Per questo motivo Dal Molin decide di allestire una squadra professionistica capitanata dal triestino Giordano Cottur, noto per essere succeduto nella Bassano-Monte Grappa per dilettanti nientemeno che a Gino Bartali. Nello stesso periodo sull'onda del sentimento popolare di apprensione per le sorti di Trieste, Dal Molin decide di associare al nome della sua azienda quello della città giuliana.

Nasce così, nell'autunno del '45, la Wilier Triestina caratterizzata dal colore rosso-ramato delle sue biciclette, che diverrà in seguito autentico marchio di fabbrica. Nelle stagioni successive i successi della squadra, riconfermata per le sue ottime prestazioni, vince con i suoi protagonisti diverse competizioni nazionali fino a raggiungere, nel '49 e nel '50, successi al giro delle Fiandre e al Giro d'Italia.

Purtroppo, dopo la prima entusiasmante fase di ricostruzione nazionale nei primi anni '50 ci si avvia verso il miracolo economico. Le aziende ciclistiche subiscono lo scotto del progresso che, nel '52, costringe la Wilier Triestina a chiudere i battenti e ad abbandonare anche l'attività agonistica. La gloriosa storia di quest'azienda e del suo "gioiello ramato" rivive oggi grazie ai fratelli Gastaldello di Rossano Veneto che nel 1969 hanno acquistato il marchio Wilier Triestina tornando a fornire cicli a decine di squadre professionistiche e dilettantistiche italiane e straniere.

Nell’ultimo decennio, in particolar modo dal 2008 ad oggi - forte dei successi ciclistici internazionali e dei sempre nuovi modelli - Wilier Triestina continua ad incrementare e consolidare la propria presenza sul mercato internazionale, con aumenti percentuali, in termini di fatturato e biciclette prodotte, a doppia cifra.

Chi possiede una Wilier Triestina sa di non avere scelto una bicicletta qualsiasi, sa che quel simbolo con l’alabarda appartiene alla storia del ciclismo, una storia lunga oltre un secolo. Wilier Triestina è stata fondata nel 1906, l’esperienza non gli manca. In tutto questo tempo non hanno mai smesso di coniugare un consolidato know-how con l’inventiva e l’originalità che tutti si aspettano da loro. Perché loro non costruiscono biciclette, le creano.

Lo sviluppo di un modello inizia con un bozzetto su un foglio di carta e termina, dopo innumerevoli test, con l’utilizzo dei materiali più innovativi e di tecniche in costante evoluzione. Lo stile Wilier Triestina, frutto di un ricercato equilibrio fra tradizione e innovazione, oggi vuol dire anche sicurezza e affidabilità ai massimi livelli.

Le vittorie dei professionisti equipaggiati con Wilier Triestina garantiscono per loro.

Caratteristiche

Wilier 0 SLR, la prima bici da corsa superleggera con freni a disco e cavi totalmente integrati nel telaio.

Sotto la sua semplicità estetica stanno i più complessi concetti di leggerezza ed integrazione, tutte caratteristiche che i ciclisti più esigenti cercano nelle bici da corsa tecnologicamente più evolute: ultra leggerezza, stabilità e controllo alle alte velocità, performance in frenata, trasmissione elettronica, efficienza aerodinamica, integrazione totale dei cavi.

Il tutto condensato nell’inconfondibile Stile Wilier.

ULTRA LEGGEREZZA

Segno distintivo di Wilier 0 SLR è la leggerezza del telaio: con 780 grammi per la taglia M nella versione colore nero opaco, Wilier 0 SLR si colloca al top della gamma dei telai superleggeri Wilier Triestina. Difatti con l'allestimento top, la bici completa fa fermare l'ago della bilancia a 6,5 KG.

INTEGRAZIONE TOTALE

Tra i trend più apprezzati dal grande pubblico c’è la ricerca della massima pulizia estetica. Già dal 2016 con Cento10AIR, abbiamo iniziato a percorrere questa strada (tra i primi produttori al mondo), inserendo i cavi di freno e di comando all’interno della piega monoscocca integrata al telaio. Wilier 0 SLR esalta ancor più questa caratteristica perché l’integrazione totale è associata ad un peso record di telaio, forcella e manubrio. I vari elementi che permettono l’integrazione sono stati re-ingegnerizzati ed evoluti: il manubrio integrato 0, i distanziali manubrio in materiale composito, la sezione del tubo sterzo del telaio.

STIFFNESS TO WEIGHT

Nei telai in carbonio valori elevati di STW (acronimo di Stiffness to Weight, rapporto tra valori di rigidità e peso del telaio) sono sinonimo di performance; solitamente per avere un telaio rigido si aggiunge materiale, aumentandone così il peso. Viceversa, se l’obiettivo è abbattere il peso, si corre il rischio di compromettere la rigidità e di conseguenza la maneggevolezza e sicurezza di guida.

Su Wilier 0 SLR, grazie alla miscela di carbonio usata, al particolare posizionamento delle fibre e alla tecnologia costruttiva siamo riusciti a raggiungere un livello di leggerezza e di rigidità di assoluto livello, migliorando di 24 % il valore STW dei passati modelli Zero.7 e Zero.6.

DISTANZIALI EASY-FIT

I distanziali interposti tra il tubo sterzo del telaio e il manubrio sono in materiale composito ad alta rigidità, con una particolare cavità dedicata al passaggio dei cavi. Sono composti da due parti così da consentirne un rapido montaggio e smontaggio, senza interferire con i cavi che scorrono tra manubrio e telaio.

PERNI PASSANTI SPEED RELEASE

Questi perni consentono una rapida rimozione della ruota dal telaio senza dover estrarre totalmente il perno dal mozzo della ruota. Soluzione questa che riduce significativamente i tempi di rimozione e alloggiamento ruota. In gara un cambio ruota risparmia mediamente 7 secondi rispetto ad un perno passante tradizionale. La scelta del perno Speed Release è stata fatta anche in ottica di risparmio del peso (solo 85 grammi la coppia) e salvaguardia dell’integrità del telaio.

L'ASIMMETRIA DIVENTA SOLUZIONE

La trasmissione della potenza alla ruota posteriore non deve subire dispersioni che causano una perdita di efficienza della pedalata. Per far fronte a questa esigenza il carro posteriore è stato disegnato in maniera asimmetrica, con il fodero sinistro leggermente più inclinato verso l’alto rispetto a quello destro. Questo accorgimento consente di evitare lo sbandamento laterale dovuto alla forza impressa dal ciclista sulla catena, facendo diventare l’asimmetria soluzione.

REGGISELLA E FISSAGGIO

Per Wilier 0 SLR è stato realizzato un nuovo reggisella in carbonio monoscocca con disegno proprietario di Wilier Triestina. Di forma snella, richiama i profili a coda tronca dei modelli aerodinamici Cento10PRO e Cento10NDR. Disponibile in due geometrie: setback di 0mm e di 15mm, compatibili con fissaggio sella Ritchey 1-Bolt. Il fissaggio al telaio avviene tramite un expander alloggiato all’interno del tubo orizzontale.

BALANCE DESIGN

Sei taglie, sensazione unica. Le sezioni dei tubi nelle varie taglie sono progettate in modo tale che rigidità, qualità di guida e comfort siano le stesse su ogni diversa misura di telaio. Nello specifico, in fase di progettazione, è stata dimensionata una diversa sezione dei tubi principali, in base alla taglia, per aumentare la rigidità torsionale e la stabilità del telaio.

E100LD1
Questo prodotto non ha ancora recensioni

Boxed:

Sticky Add To Cart

Font: